Al cinema con… “Frozen- Il regno di Ghiaccio” !

ljarge Ieri  sera ho avuto l’occasione di andare al cinema a vedere “Frozen- Il regno di  Ghiaccio” (tratto dal romanzo ‘La regina delle nevi’ di  Andersen) con il mio cuginetto di  8 anni. Dopo aver preso i biglietti ed aver aspettato per 35 min. che finisse la pubblicità  (sì, lo so, una cosa scandalosa), il film è cominciato.

Come solitamente la Walt Disney fa, la vicenda inizia narrando gli avvenimenti passati,  quando le protagoniste sono ancora bambine.

La principessa Elsa, futura erede al trono della cittadina di Arendelle (in Scandinavia), fin  dalla nascita ha il potere di creare e manipolare la neve e il ghiaccio. Purtroppo però non  ha il pieno controllo di questa dote: una notte infatti, giocando con la sua sorellina Anna,  la colpisce involontariamente alla testa. I loro genitori, preoccupati, la portano a curare  da dei simpatici troll a forma di sasso.  Il capo Troll dice ai genitori che è meglio che ad  Anna sia rimosso il ricordo di questi poteri, e decidono di tenerli nascosti al mondo  chiudendo per sempre le porte del palazzo reale. Questo fatto tocca da vicino il rapporto fra le due sorelle, in quanto non possono più avere contatti. Nel frattempo i loro genitori (nonché re e regina) muoiono in uno spiacevole incidente in barca.

Tre anni dopo, Elsa, raggiunta la maggiore età è il momento che venga incoronata sovrana quindi vengono riaperte le porte del palazzo.

Anna, emozionata per l’evento, visita tutto il villaggio e incontra il giovane principe delle isole del sud Hans, si innamorano e decidono di sposarsi e chiedono la benedizione di Elsa, la quale frustrata e preoccupata per i suoi poteri in costante crescita, li rifiuta malamente rivelando il suo segreto a tutti. Spaventata e preoccupata Elsa fugge e si rifugia in un castello di ghiaccio costruito da lei stessa su una montagna e porta come stagione perenne l’inverno.

Anna decisa a trovare la sorella per chiarire, lascia il potere nelle mani di Hans; giunta a metà del cammino,non sapendo come proseguire si fa aiutare da un ragazzo di nome Kristoff e dalla sua buffa renna Sven.

Tra strani incontri, quale uno strano e bizzarro pupazzo di neve, e grandi ostacoli Anna riuscirà a trovare Elsa e a tornare dal suo Hans?? Ed Elsa riuscirà a dominare i suoi poteri facendo tornare l’estate??

Questo film di animazione è piaciuto molto al mio cuginetto e devo dire che non è niente male neanche per gli adulti, soprattutto per i colpi di scena per niente scontati. Il mitico pupazzo di neve Olaf è doppiato dall’abile Enrico Brignano.

Sicuramente lo scenario e l’ambiente in cui si svolgono i fatti narrati è molto suggestivo, con il palazzo sulle coste del mare e il piccolo porto tranquillo occupato qua e là da bancarelle di fiori, la piazza con al centro due belle fontane che spruzzano acqua limpida e la montagna a strapiombo sull’acqua; il tutto completato da candida neve che cade placida e tranquilla.

A mio parere gli unici aspetti negativi sono stati: il lento sviluppo della trama, ovvero tutti gli episodi più eclatanti sono avvenuti alla fine, l’inizio è un po’ -smorto-; poi ogni secondo cantano, e questa  è una cosa che nei film-cartoni  non amo molto.

Questo è quanto e ora non vi resta che andarlo a vedere!

Per qualsiasi domanda o considerazione personale Lasciate un Commentino♥

P.S. Lo avete già visto? Come vi è sembrato?

Anna e Kristoff

Anna e Kristoff

_Sofii♥

Annunci